_______________________________________

_______________________________________

4 dicembre 2016

SERIE B, LA BMR RIMANE IN PARTITA FINO ALLA FINE, MA LA GIMAR VINCE ALLO SPRINT

GIMAR BASKET LECCO-BMR BASKET 2000 SCANDIANO 81-70
BASKET LECCO: Fumagalli, Peroni 20, Todeschini 17, Brambilla 2, Siberna 9, Balanzoni 14, Urbani 11, Piva 2, Quartieri 4, Spera 2. All. Meneguzzo.
BASKET 2000 SCANDIANO: Malagutti 10, Salami ne, Ferrari ne, Farioli 15, Astolfi 3, Verbitchi ne, Veccia 10, Pugi 16, Germani 5, Chiappelli 11. All. Tinti.
Arbitri: Barbiero di Milano e Corbari di Cremona.
Note: parziali 23-16, 39-37, 58-54. Usciti per falli Chiappelli e Spera.

La Bmr - priva di Bertolini - si ferma sul più bello ma, nonostante il ko, sfiora un’impresa mai riuscita a nessuno in questa stagione, giocando alla pari fino a 2’ dalla fine sul parquet della Gimar Basket Lecco, ancora imbattuta davanti al pubblico amico in stagione. Non bastano i 15 punti di Farioli (con 3/4 dal campo, 9/11 ai liberi, 7 falli subiti e 21 di valutazione), uno dei 5 ospiti in doppia cifra.

L’avvio è tutto “made in Pugi”, che segna i primi 8 punti degli ospiti e tiene avanti i suoi; la reazione di Lecco, però, fa male agli scandianesi, che si ritrovano sotto di 7 lunghezze (17-10) e costringono la panchina al timeout. Dopo il 23-16 di fine primo quarto, Chiappelli riporta i suoi a -5, ma i padroni di casa allungano ancora e toccano il +12 sul 30-18. Germani (gioco da 3 punti) e Farioli firmano uno 0-5 che un toccasana per la Bmr, poi abile a rientrare in scia nel finale del primo tempo, quando le due bombe consecutive di Malagutti e capitan Astolfi valgono il 39-37 con cui si va negli spogliatoi.

L’inizio di ripresa vede gli ospiti fare ancora male dall’arco dei 6,75: Chiappelli firma il vantaggio esterno sul 39-40, ma Peroni replica per il 42-40. Lecco mantiene sempre il comando ma non riesce ad “uccidere” la gara, con la Bmr che resta in scia. Purtroppo Tinti perde Chiappelli per raggiunto limite di falli, ma i suoi tornano a segnare con Pugi, a secco per tutto il terzo quarto dopo i 10 del primo tempo, che firma il 63-61. La Bmr fallisce due liberi chiave e viene punita da Peroni, che con un gioco da tre punti fa entrare Lecco negli ultimi 3’ di gioco sopra di 7: è Todeschini, con la bomba del 76-68, a far scorrere i titoli di coda alla contesa, quando alla sirena manca poco meno di un minuto e mezzo.


Giovedì 8 dicembre si torna al PalaRegnani per la sfida interna con la Virtus Broetto Padova: palla a due alle ore 18. 

3 dicembre 2016

UNDER 14 ELITE: BASKET 2000-FORTITUDO BO 87-75

BASKET 2000: Fontanelli 21 (6/10), Delbue 13 (3/6), Morano 13 (4/7), Salvo 26 (8/12), Grisanti 9 (4/7), Bertani 4 (1/8), Farinelli 1, Dorelli (0/2), Ziliani (0/1), Cari Gallingani, Martino ne. All. Iotti.

Arbitro: Giovanni Montanari di Reggio Emilia.

Note. Parziali: 31-13, 49-27, 68-56. Tiri liberi: Basket 2000, 35/54-Fortitudo 15/43.

 Ritrovano il sorriso i 2003, dopo tre ko consecutivi. Partita strana da decifrare. I ragazzi  di Mariella arrivano anche sul + 25 (44-19), ma non danno mai la sensazione di averla chiusa. Il merito sta anche negli avversari che rientrano dalla pausa lunga con un'altra faccia. Il 2/24 maturato dalla linea della carità fin lì, è solo un brutto ricordo. I fortitudini alzano l'intensità difensiva e con essa pure le mani. Noi siamo in difficoltà. Davide ha problemi di falli, così come Marco e Matteo. Quest'ultimo a metà terzo quarto, nel suo momento migliore, abbandona la gara, causa crampi.Vittorio è un vero e proprio gladiatore, padrone dell'area. Davide prima di uscire per 5 falli argina la rimonta avversaria grazie al frutto delle sue tipiche incursioni. Federico si ritrova nel finale con preziosissimi punti e rimbalzi, Riccardo fatica, ma non cede di un centimetro. Marco così come aveva aperto l'incontro con due liberi, lo chiude con una penetrazione. Importanti minuti per Diego e soprattutto per Daniele, per far respirare un poco i compagni. Zillo entra alla fine così come Tommi che si fa apprezzare per un rimbalzo difensivo. Cillo, ancora una volta è "solo" sugli spalti a tifare, mentre Andrea è a letto con l'influenza.

Da menzionare il fatto che ad un certo punto ai liberi si era sul 18/21 con striscia di 13/13. Gli allenamenti a tal riguardo, si vede, stanno dando il loro frutto, come speriamo possa avvenire nell'immediato futuro per le rimesse. Ad essere pignoli, però, dopo il 18/21 ai liberi, ha fatto seguito un 17/33 nella parte conclusiva del match. 

Incontro iniziato puntualmente alle 17.30 e terminato alle 19.35!!! 

BMR, TRASFERTA DOMENICALE A LECCO

Trasferta impegnativa per la Bmr Basket 2000 Scandiano, chiamata ad ottenere un risultato che nessuna avversaria è finora riuscita a raggiungere: gli uomini di coach Tinti, infatti, tenteranno l’impresa di sbancare Lecco, al cospetto di una Gimar che nelle prime cinque apparizioni interne stagionali ha ottenuto altrettanti successi. Non un compito agevole, ma gli scandianesi hanno dalla loro la determinazione e la voglia di giocarsela con tutte le rivali, lasciando alle spalle l’amarezza per il duplice ko al supplementare rimediato nelle scorse settimane con Milano e Crema. Il campionato, dopo un inizio abbastanza equilibrato, sta lentamente delineando i valori in gioco: le prime sette della classe stanno cercando la fuga e, con ogni probabilità, si giocheranno il discorso promozione; dietro è bagarre, con la Bmr chiamata a districarsi in una situazione ancora non chiara e ad affrontare ogni sfida come se fosse una finale. Si gioca domani pomeriggio, palla a due alle ore 18.

L’AVVERSARIO
Sono molteplici le frecce nell’arco dei padroni di casa. Si parte con la prestanza sottocanestro, in particolare quella di Jacopo Balanzoni: il centro, classe 1993, svetta dall’alto dei suoi 204 cm ed è il miglior realizzatore della squadra con 11,7 punti, cui abbina 7,7 rimbalzi. Sotto i tabelloni c’è anche il coetaneo Gaetano Spera, ala/centro di 210 cm, che si ferma a 9,3 punti in attacco, abbinando 7 rimbalzi. Il reparto piccoli, invece, ha nella guardia Daniele Quartieri (10,9 punti) il terminale preferito; la sua mano viene armata dal playmaker Davide Todeschini (10,3 punti e 4,4 assist), oltre a quella del pariruolo Carlo Fumagalli, classe 1996, che realizza 7,7 punti in 15’ di impiego. A completare le rotazioni sono Giacomo Siberna, guardia/ala classe 1996, e Michele Peroni, guardia classe 1994: entrambi sfiorano la doppia cifra pur restano sul parquet 20’ circa di media.

IL PROGRAMMA DI GIORNATA (10^ di andata)
03/12/2016 20:00 Rucker Sanve San Vendemiano-Accademia Su Stentu Sestu
03/12/2016 20:30 Tramarossa Pall. Vicenza 2012-Vivigas Alto Sebino
03/12/2016 20:45 Hikkaduwa Milano-Bakery Piacenza
03/12/2016 21:00 Argomm Basket Iseo-Pallacanestro Aurora Desio
04/12/2016 18:00 GIMAR Basket Lecco-Bmr Basket 2000 Scandiano
04/12/2016 18:00 Broetto Virtus Padova-Agribertocchi Orzinuovi
04/12/2016 18:00 Baltur Cento-Rekico Faenza
04/12/2016 18:00 CO.MARK Bergamo-Pallacanestro Crema  


Classifica: Bakery Piacenza 14, Baltur Cento 14, CO.MARK Bergamo 14, Agribertocchi Orzinuovi 14, Pallacanestro Crema 14, GIMAR Basket Lecco 12, Rekico Faenza 12, Broetto Virtus Padova 8, Bmr Basket 2000 Scandiano 8, Aurora Desio 6, Tramarossa Pall. Vicenza 2012 6, Vivigas Alto Sebino 6, Hikkaduwa Milano 6, Rucker Sanve San Vendemiano 4, Accademia Su Stentu Sestu 4, Argomm Basket Iseo 2.

28 novembre 2016

UNDER 14 ELITE: VIRTUS BOLOGNA-BASKET 2000 79-54

BASKET 2000: Fontanelli 19 (8/19), Delbue 10 (3/6), Morano 2 (1/5), Salvo 7 (2/4), Codeluppi 9 (4/10), Grisanti 2 (1/5), Bertani 4 (2/5), Dorelli 1 (0/1), Cari Gallingani (0/1), Ziliani (0/1), Martino. All. Iotti.

Arbitri: Valentino Emanuele Ragone-Demetra Rossi di Bologna.

Note. Parziali: 26-13, 47-28, 60-44. Tiri Liberi: Virtus, 9/14-Basket 2000, 11-22.

Bravi, ragazzi del 2003. D'accordo, le V nere non hanno i grandi calibri (Barbieri-Ruffini). Noi non abbiamo Farinelli, Cillo e Morano si fa male al dito della mano sx ad inizio secondo quarto e non rientra più. Di palle perse, molte, non ne parliamo più di tanto. Dopo 7' di gioco si è sul 20-4, dopo 32' il punteggio è 62-48. Poi per una serie di concause si arriva al finale di 79-54. Un bravo a Davide che riesce a tirare 19 volte, cosa non semplice, il solo provarci, contro l'ottima difesa dei padroni di casa. Si esce a testa alta in una delle culle del basket giovanile italiano, ovvero alla Palestra Porelli.

27 novembre 2016

ANCORA UN OVERTIME FATALE: CREMA PASSA AL PALAREGNANI

BMR BASKET 2000 SCANDIANO-PALLACANESTRO CREMA 62-69 dts
BASKET 2000 SCANDIANO: Malagutti 6, Salami ne, Ferrari ne, Bertolini 14, Farioli 4, Astolfi, Veccia 10, Pugi 18, Germani 3, Chiappelli 7. All. Tinti.
PALLACANESTRO CREMA: Nicoletti ne, Liberati 15, Del Sorbo 9, Pasqulin 10, Petronio, Manuelli 17, De Min 5, Bozzetto 9, Tardito 4, Bovo. All. Baldiraghi.
Arbitri: Balducci e Zancolò di Pordenone.
Note: parziali 15-10, 25-29, 42-44, 57-57. Usciti per falli Chiappelli, Farioli e Malagutti.

La Bmr colleziona la seconda sconfitta interna stagionale, cadendo solo al supplementare di fronte alla capolista Crema. Non bastano la solita doppia doppia di Pugi (18 punti e 12 rimbalzi, per un ottimo 27 di valutazione) e tanto cuore.

Dopo un inizio equilibrato, dove le squadre faticano a trovare la via del canestro, la Bmr si porta avanti nel punteggio e chiude il primo quarto sul 15-10. Al ritorno in campo per il secondo quarto, tuttavia, sono gli ospiti a piazzare un parziale che fa male, quello che dal 19-16 per i padroni di casa porta la contesa sul 19-28, con merito principale equamente distribuito tra Liberati e Pasqualin. La squadra di Tinti fatica a trovare la via del canestro (1/6 dalla lunga distanza al 20’) ma, dopo essersi trovata anche a -9, va negli spogliatoi con 4 lunghezze da recuperare. A metà gara il top scorer locale è Pugi (8 punti, con 6 rimbalzi e 12 di valutazione) seguito da Veccia (7).


Nella ripresa Crema tocca il +11 sul 31-42 e la Bmr è costretta a ricucire per rientrare (lo fanno Malagutti e Pugi per un parziale di 4-0 che è un toccasana), ma riesce nel suo intento arrivando fino al 42-44 di fine terzo quarto, siglato dalla lunetta da Chiappelli. L’aggancio, a quota 44, arriva ad inizio ultimo periodo con Bertolini che, dopo quasi 30’ senza segnare, impatta le sorti dell’incontro. Inizia così una battaglia punto a punto che si trascina fino a fine incontro: sul 55-56, a 20” dalla fine, Pasqualin fa 1/2 dalla lunetta, poi è Bertolini a fissare nuovamente la parità sul 57-57 a 14” dalla sirena. All’overtime, però, la Bmr arriva stanca e priva di tre giocatori per falli: Crema ne approfitta e si impone 62-69. 

26 novembre 2016

BMR, DOMANI SFIDA INTERNA A CREMA (ORE 18)

Senza paura al cospetto della capolista. Se c’è una lezione che si può imparare dopo nove giornate del campionato di serie B è che non ci sono risultati scontati: lo dimostra il sovraffollamento che c’è in vetta, con ben cinque formazioni appaiate a quota 12; lo dimostra, nel suo piccolo, la bruciante sconfitta di Milano, che la Bmr ha dapprima vinto (fino a 15” dalla fine), poi perso (durante il primo overtime), poi ripreso ed, infine, nuovamente perso. Non c’è nulla di scontato, dicevamo: per cui anche la sfida ad una delle battistrada, quella ad una Pallacanestro Crema data in grande ascesa di condizione, può essere giocata alla pari, senza timori. Certo, occorrerà capitalizzare al 100% le occasioni che capiteranno e sarà fondamentale gestire al meglio i momenti chiave della partita, lavorando duro nella metà campo difensiva, per poi sprigionare tutta l’energia in contropiede. E, non dimenticate, se volete potete giocarvi questi numeri al Lotto: 50, 51, 48 e 62. Sono i punti realizzati dagli avversari nelle quattro vittorie stagionale di Astolfi&C., a dimostrazione di come l’applicazione difensiva, per una neopromossa, sia una virtù da coltivare quotidianamente, tanto in allenamento quanto in partita. Solo così, infatti, questa squadra riuscirà a tagliare il traguardo tanto ambito, ovvero la salvezza. Si gioca domani al PalaRegnani: palla a due alle 18.

L’AVVERSARIO
La Pallacanestro Crema si presenta in terra reggiana forte di quattro vittorie consecutive, che l’hanno portata ai piani alti della graduatoria – in un’affollatissima prima piazza che coinvolge ben 5 squadre - e ne fanno una delle squadre più in forma del momento. In trasferta sono tre i successi di fila, contro Iseo, Sestu ed Aurora Desio. I pericoli maggiori per la Tinti band vengono da Davide Liberati, play/guardia classe 1992, che è l’atleta più prolifico a disposizione del quintetto cremasco con 14,6 punti all’attivo, cui abbina quasi 3 assist ad allacciata di scarpe. Sotto canestro spiccano l’esperienza ed i 203 cm di Thomas De Min, classe 1984, ala grande da 11,9 punti e 6,3 rimbalzi di media. In cabina di regia spazio al 1997 Matteo Pasqualin (9,9 punti e 2,3 assist in 26’ di impiego), mentre a 8 si ferma la guardia Pietro Del Sorbo, classe 1985; a completare il pacchetto esterni, poi, sono Daniele Manuelli, play/guardia classe 1994 da 6,8 punti per gara, e l’ala Alessandro Petronio (3,6). Nell’area pitturata, infine, agisce il classe 1987 Davide Bozzetto, 207 cm d’altezza, che colleziona 6,5 punti e 9,3 rimbalzi; accanto a lui Luca Tardito, classe 1989, che mette a segno 5 punti in 15’ di impiego.

IL PROGRAMMA DI GIORNATA (9^ di andata)
26/11/2016 15:00 Accademia Su Stentu Sestu-CO.MARK Bergamo
26/11/2016 20:30 Vivigas Alto Sebino-Hikkaduwa Milano
26/11/2016 21:00 Bakery Piacenza-Rucker Sanve San Vendemiano
26/11/2016 21:00 Pallacanestro Aurora Desio-Baltur Cento
27/11/2016 18:00 Bmr Basket 2000 Scandiano-Pallacanestro Crema
27/11/2016 18:00 GIMAR Basket Lecco-Broetto Virtus Padova
27/11/2016 18:00 Rekico Faenza-Argomm Basket Iseo
27/11/2016 18:00 Agribertocchi Orzinuovi-Tramarossa Pall. Vicenza 2012


Classifica: Baltur Cento 12, Bakery Piacenza 12, Agribertocchi Orzinuovi 12, CO.MARK Bergamo 12, Pallacanestro Crema 12, Rekico Faenza 10, GIMAR Basket Lecco 10, Broetto Virtus Padova 8, Bmr Basket 2000 Scandiano 8, Aurora Desio 6, Tramarossa Pall. Vicenza 2012 6, Hikkaduwa Milano 6, Rucker Sanve San Vendemiano 4, Vivigas Alto Sebino 4, Accademia Su Stentu Sestu 4, Argomm Basket Iseo 2.

25 novembre 2016

UN RINGRAZIAMENTO AL BASKET 2000 DA UNA PERSONA SPECIALE

Riceviamo e pubblichiamo da Paolo, custode della palestra di via I Maggio:

"Paolo e le figlie ringraziano la società Basket 2000, i dirigenti, gli allenatori ed i giocatori per aver condiviso con affetto e partecipazione il dolore per la scomparsa della moglie e madre".

A Paolo e alle figlie, la famiglia Basket 2000 rivolge nuovamente un forte abbraccio.

2° TORNEO IESS CUP UNDER 14




1) Basket 2000-1^Classificata
2) Matteo Morano (Basket 2000) Mvp, insieme a Davide Caiti (Basket 2000) Mvp dell'anno scorso
3) Marco Delbue, capitano Basket 2000, con Amedeo Della Valle e Derek Needham
4) Foto del gruppo ( Basket 2000, Us Reggio, La Torre, Arbor).

20 novembre 2016

UNDER 14 ELITE: Basket 2000-Cus Parma 51-53

BASKET 2000: Fontanelli 10 (2/5), Dorelli, Farinelli 2 (0/1), Delbue 8 (2/7), Cari Gallingani ne, Morano 2 (0/10), Martino ne, Salvo 18 (7/12), Codeluppi 4 (1/6), Grisanti 5 (2/4), Bertani 2 (1/2). All. Gazza.

Arbitro: Alessandro Giovanoli di Rolo (Re).

Note. Parziali: 16-14, 27-27, 39-42. Tiri liberi: Basket 2000, 20/52 (Fontanelli 6/12-Farinelli 2/2, Delbue 4/10- Morano 2/6- Salvo 3/9-Codeluppi 2/5-Grisanti 1/8)- Cus Pr, 11/30.

Si perde di due punti in malo modo. L'elite è diversa dal campionato regionale e ce ne stiamo rendendo conto. Di questo match si possono dire tante cose, comunque rimarrebbero soltanto opinioni. Di oggettivo resta il fatto che sbagliare 32 tiri liberi di cui 12 nell'ultimo quarto, beh...quei 50 presenti alla gara avranno tutti giustamente la loro idea di come sono andate le cose sul campo, ma......i 32 errori (in qualche caso orrori) dalla linea della carità, rimarranno.

Il prossimo impegno vedrà i 2003 impegnati in casa della Virtus Bologna, lunedì 28/11 alle 18.45.

19 novembre 2016

BMR SCONFITTA DOPO DUE OVERTIME A MILANO

HIKKADUWA MILANO-BMR BASKET 2000 SCANDIANO 98-95 d2ts
URANIA BASKET MILANO: Ferrarese 14, Laganà 5, Restelli, Paleari 19, Spinetto, Bartoli 16, Lazarov ne, Gorla, Ingrosso 20, Tortù 24. All. Montefusco.
BASKET 2000 SCANDIANO: Malagutti 17, Salami, Ferrari, Bertolini 22, Farioli 2, Astolfi 6, Veccia 2, Pugi 31, Germani 2, Chiappelli 13. All. Tinti.
Arbitri: Gallo di Padova e Giordano di Caltanisetta.
Note: parziali 22-19, 36-40, 47-54, 72-72, 83-83. Uscito per falli Malagutti. 

Sconfitta al supplementare per la Bmr a Milano, dove i padroni di casa dell'Hikkaduwa riescono a riaprire nel finale dei tempi regolamentari una gara che sembrava indirizzata verso gli uomini di Tinti, prima di imporsi al secondo overtime. Non bastano un Pugi da 31 punti e 26 di valutazione, un Bertolini da 22, 6 assist, 7 falli subiti e 26 di valutazione, oltre ai 17 punti di Malagutti ed alla doppia doppia di Chiappelli (13 punti + 10 rimbalzi).
Sotto alla fine del primo quarto di 3 lunghezze, la squadra reggiana si rifà nel secondo con un parziale di 11-2, che la porta al comando delle operazioni. Milano, ovviamente, non sta a guardare, ma Pugi (11 punti alla pausa) e Chiappelli (9 + 6 rimbalzi) fanno la voce grossa e mandano gli ospiti negli spogliatoi sul 36-40. Nella ripresa la Bmr conduce fino a 3’ dal termine, quando viene raggiunta sul 61 pari da due liberi di Ferrarese, prima della replica immediata di Malagutti dalla lunga distanza. Tortù impatta nuovamente a quota 64, poi è Bertolini a firmare il canestro con cui si entra nell'ultimo minuto; Pugi fa 1/2 dalla lunetta (64-67) e Paleari replica da centro area a 34" dalla fine, realizzando poi il canestro del pareggio sul libero supplementare concesso per fallo di Malagutti. A 15" dalla fine Pugi, da tre, suggella dall'arco una prestazione da assoluto MVP. Ma le emozioni non sono ancora finite, perchè Ferrarese va in lunetta sul 69-72, segna il primo libero, fallisce il secondo ma prende il rimbalzo ed impatta nuovamente le sorti del match.
Si va così all'overtime, dove la Bmr si ritrova sotto di 3 ad 1' dalla fine (82-79); a firmare la nuova parità, a 6" dalla sirena, è Bertolini (2/2 dalla lunetta), che manda le squadre al secondo supplementare. A questo punto, però, Milano prende saldamente il controllo e chiude i conti, nonostante un ultimo tentativo in extremis di rimonta dei bianco-rosso-blu.